“Il coraggio di guardare avanti” di Diego Macario

22 Marzo 2019 | Di Ignazio Senatore
“Il coraggio di guardare avanti” di Diego Macario
Articoli su quotidiani e schede film di Ignazio Senatore
0

E’ in uscita il cortometraggio “Il coraggio di guardare avanti”, scritto, diretto e interpretato dall’attore e regista napoletano Diego Macario, nipote del grande comico torinese. Il protagonista è un ex imprenditore che, prendendo spunto dalla famosa scena del “caffè”, tratta da Questi fantasmi di Eduardo De Filippo, racconta ad un immaginario “professore”, le sue sfortunate vicende umane e professionali. Dopo aver impiantato una fiorente impresa e goduto di un’agiata condizione economica si trova, suo malgrado, a dover affrontare un periodo di crisi che lo getta nella completa disperazione. Con tutte le proprie forze si impegna, coraggiosamente, a non chiudere i battenti, ma i suoi sforzi appaiono vani, al punto che si fa strada in lui l’idea di mettere fine ai propri giorni. E se fosse un “deus ex machina” a ridargli la giusta fiducia e a donargli l’energia per ricominciare una nuova vita e, come recita il titolo del corto “a guardare avanti”?

Il corto ha il patrocinio morale del Comune di Napoli ed è nato  in collaborazione con l’Associazione “Gli Angeli della Finanza”, da sempre impegnata nella lotta alla sensibilizzazione dei problemi legati alla crisi del mondo imprenditoriale. Realizzato con l’amichevole partecipazione di Marilù Armani, Carmine Imbimbo, Nino de Santis e Paolo Perrotta, si avvale delle musiche originali composte da Luigi Scialdone.

Un tema scottante quello della crisi imprenditoriale più volte affrontato al cinema. Su tutti “Solving” il docu- film di Giovanni Mazzitelli che narra, coraggiosamente, due storie parallele ma dall’esito diverso; quella di Salvatore Mignano, imprenditore napoletano che ha resistito agli affanni della crisi e di Giuseppe Campaniello, artigiano edile che si è dato fuoco, dopo aver ricevuto una cartella di Equitalia di sessanta milioni.

Articolo pubblicato su il Corriere del Mezzogiorno il 22.3. 2019

Comments are closed.

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i Cookie. Questo sito utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi