A un metro da te di Justin Baldoni

24 Settembre 2019 | Di Ignazio Senatore
A un metro da te di Justin Baldoni
Recensioni Film di Ignazio Senatore
0

In quella che è forse la sua più bella poesia “I re non toccano le porte”, Francis Ponge narra l’emozione da cui ogni sovrano è escluso per colpa di uno stuolo di servitori addetti ad aprire, in sua vece, maniglie e pomelli. Di una privazione ancora maggiore sono condannati  Stella (Haley Lu Richardson) e Will (Cole Sprouse), due giovani ricoverati in un ospedale perché affetti da fibrosi cistica, malattia che, per il rischio di infezioni mortali, li costringe a non potersi sfiorare e a restare ad una distanza di sicurezza di quasi due metri. Come prevedibile i loro cuori si infiammano e …

Justin Baldoni punta sul faccino acqua e sapone dei due protagonisti e sulla contrapposizione tra la tenace e indomita Stella e il rassegnato e fatalista Will. I due, figli dell’era tecnologica, comunicano con smartphone, sms e iPad, ed in barba alla loro grave condizione clinica, hanno (quasi) sempre il sorriso sulle labbra. In questo teen-movie il regista non strizza i fazzoletti, ma impagina una vicenda che ha il respiro di un corto.

Recensione pubblicata su Segno Cinema. N. 219 – Settembre Ottobre

Comments are closed.

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i Cookie. Questo sito utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi