Jojo rabbit di Taika Waititi – Germania/USA – 2019

22 Ottobre 2020 | Di Ignazio Senatore
Jojo rabbit di Taika Waititi – Germania/USA – 2019
Recensioni Film di Ignazio Senatore
0

Vienna. Fine del secondo conflitto mondiale. Jojo (Roman Griffin Davis) ha dieci anni e vive con la madre (Scarlett Johansson) a Vienna. Il suo sogno? Diventare un perfetto soldato tedesco ed essere al fianco di Adolf Hitler, suo amico immaginario, che evoca nei momenti di incertezza e di difficoltà. Tratto dal romanzo omonimo di Christine Leunens, il film, diretto da Taika Waititi, (anche attore nei panni di Hitler), ha un inizio fulminante quando mostra il piccolo protagonista che, per “diventare uomo”, partecipa ad un’esercitazione dove deve marciare, lanciare granate e bruciare libri. Il tono è grottesco ma lo script, dopo aver estremizzato il fanatismo tedesco e strappato qualche risata per la delirante demonizzazione degli ebrei, per l’ingresso in campo di Elsa, una ragazzina ebrea, che la madre di Jojo, nasconde in casa, si trasforma in un zuccheroso, prevedibile e pedante inno all’amicizia e alla fratellanza universale. Il titolo fa riferimento a quando il timido e impacciato Jojo si rifiuta di uccidere, durante l’esercitazione, un coniglietto.

Recensione pubblicata sulla Rivista Segnocinema N. 225 – Settembre- Ottobre 2020

Comments are closed.

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i Cookie. Questo sito utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi