Ema di Pablo Larraín Cile – 2019

9 Ottobre 2021 | Di Ignazio Senatore
Ema di Pablo Larraín  Cile – 2019
Recensioni Film di Ignazio Senatore
0

Ema (Mariana Di Girolamo) è una ballerina e Gastón (Gael García Bernal) un coreografo. Lui è sterile e i due adottano Polo, un bambino che, giocando con i fiammiferi, appicca il fuoco in casa e brucia il viso della zia. Ema e Gastòn decidono di allontanarlo e gli assistenti sociali lo affidano a Anibal (Santiago Cabrera) e alla moglie. Ma, senza il piccolo, Ema e Gastòn cadono a pezzi e si rinfacciano accuse ed errori. Per stordire il dolore di non essere una brava madre, Ema si getta nelle braccia di Anibal e poi di Rachel, l’avvocato alla quale si rivolge per divorziare da Gastòn. Il fuoco, però,  l’attrae e la spinge a dar fuoco, catarticamente, a quello che le capita a tiro…

Pablo Larraín dirige un melodramma che arriva dritto allo stomaco dello spettatore. Per sentirsi libera Ema si scatena nei balletti, ma è incapace, al pari di Gastòn, di prendersi cura di Palo, sballottolato, come un paco postale da un genitore adottivo all’altro. Larrain mostra con un certo compiacimento la furia auto-distruttiva dei disarmanti Ema e Gastòn, ma non giudica e (soprattutto) non bara.

Recensione pubblicata su Segnocinema N. 231 – settembre- ottobre  2021

Comments are closed.

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i Cookie. Questo sito utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi