“Il cineforum del dottor Freud” di I. Senatore – Quarta di copertina e Indice – C.S.E (2007)

25 Dicembre 2014 | Di Ignazio Senatore
“Il cineforum del dottor Freud” di I. Senatore – Quarta di copertina e Indice  – C.S.E (2007)
Volumi di Ignazio Senatore
0

Cento “piccoli” film, seppelliti dalla polvere e caduti troppo precocemente nell’oblio. Pellicole che ti entrano dritto nel cuore e che ti lasciano senza respiro. Registi “minori” a cui nessuno dedica retrospettive ma che hanno fatto grande la Storia del Cinema. Cineasti ribelli, irregolari, clandestini che sapevano/sanno muovere la macchina da presa con tocco sapiente, ruvido ed essenziale. Film dello star-system hollywoodiano riproposti per “decongestionare” lo sguardo dello spettatore. Percorsi filmografici, Maestri del cinema che ci regalano alcune riflessioni e frasi “cult” da rimandare a memoria nella nostra mente. Infine, interviste a registi e personaggi del cinema: Agosti, Battiato, Brass, Faenza, Fox, Mezzogiorno, Orlando, Ozpetek. Un viaggio nel mondo del cinema, appassionante ed appassionato. Un volume variegato e sofisticato, che ama le deconnessioni (non a caso il titolo del volume rimanda a Freud e la foto in copertina ad Jung) e che non può mancare nello scaffale di un vero “cinéphile”. Un libro da leggere con gli occhi chiusi, ricco di suggestioni e di “atmosfere sognanti” e che non sarebbe dispiaciuto al dottor Freud.

INDICE

Parte prima – schede film

Cap. 1 Il cinema e l’analfabetismo affettivo:  David e Lisa, La merlettaia, Un cuore in inverno, Il manuale del giovane avvelenatore, La balia, One hour photo.

 Cap. 2 Il cinema e i balbettii della mente: Anna dei miracoli, Rosso d’autunno, La voce del silenzio.

 Cap. 3 Il cinema e la carne: Inseparabili, Rosso sangue, Gattaca – La porta dell’universo.

 Cap. 4 Il cinema e le crepe della psiche: Il gabinetto del dottor Caligari, Dietro la porta chiusa, La scala a chiocciola, Follia,  Angoscia, El, Estasi di un delitto, Repulsion, Chi è Harry Kellerman e perché parla male di me, L’inferno, Senza pelle, Transfert pericoloso, Pi greco – Il teorema del delirio, Happiness – Felicità, Il mnemonista, A beautiful mind.

 Cap. 5 Il cinema e la deriva: La strada scarlatta, Tenera è la notte, I giorni del vino e delle rose, Sherlock Holmes: soluzione sette per cento, Uscita di sicurezza, L’ottavo giorno.

 Cap. 6 Il cinema e il doppio: Lo specchio scuro, La donna dai tre volti, Fight club, Un affare di gusto.

 Cap. 7 Il cinema e i foruncoli sessuali: Casanova 70, Indagine su di un cittadino al di sopra di ogni sospetto, I miei problemi con le donne.

 Cap. 8 Il cinema e i graduali spostamenti del piacere: I love you, M. butterfly, Thomas in love.

 Cap. 9 Il cinema e l’impalpabile: Milarepa, Tutte le mattine del mondo.

 Cap. 10 Il cinema e gli impercettibili smottamenti dell’anima: Il grande silenzio, Il settimo velo, Cleo dalle 5 alle 7, Alice nelle città,  Salto nel vuoto, Le persone normali non hanno niente d’eccezionale, Le mani forti.

 Cap. 11 Il cinema e l’inconoscibile: Il bacio della pantera, L’invasione degli ultracorpi, Il tocco della medusa, L’australiano, L’altro delitto, Il villaggio dei dannati, Omicidio nella mente,  K-Pax.

 Cap. 12 Il cinema e l’innocenza perduta: Harvey, Harold e Maude, Delicatessen, La timida,  La frattura del miocardio, Bad boy bubby, Ivo il tardivo, Mi chiamo Sam, Elling.

 Cap. 13 Il cinema e la ricerca dell’identità: Il servo, Martha, Blade runner, La casa dei giochi,  La mia vita in rosa, Mumford, Gocce d’acqua su pietre roventi, L’imbalsamatore.

 Cap. 14 Il cinema e lo sgocciolamento del cuore: Occhi senza volto, Il grido, Lantana,The unsaid – Sotto silenzio.

 Cap. 15 Il cinema e lo sguardo: L’occhio che uccide, L’insolito caso di Mr Hire, Non desiderare la donna d’altri.

 Cap. 16 Il cinema e il sogno: La donna del ritratto, Providence, Mood indigo – Mente criminale.

 Cap. 17 Il cinema e le stagioni smarrite: Gioventù bruciata, Splendore nell’erba, Regalo di Natale, Toto le heròs – Un eroe di fine millennio.

 Cap. 18 Il cinema e le stanze dell’anima: La fossa dei serpenti, Il corridoio della paura, La tela del ragno, Diario di una schizofrenica, La vacanza, Colpo di luna, Ragazze interrotte, La casa dei matti.

Parte seconda – CINEMA E PSICHE

Cap. 1 Percorsi filmografici 

1.1    Il cinema e l’adolescenza

1.2.   Il cinema e l’altro da sé

1.3.   Il cinema e l’amicizia

1.4.   Il cinema e l’analista in celluloide

1.5.   Il cinema e i bambini

1.6.   Il cinema e il corpo

1.7.   Il cinema e l’handicap

1.8.   Il cinema e l’identità di genere

1.9.   Il cinema e l’ipnosi

1.10. Il cinema e i luoghi di cura

1.11. Il cinema e le malattie oncologiche

1.12. Il cinema e la morte

1.13. Il cinema e i Padri della psicoanalisi

1.14. Il cinema e la passione amorosa

1.15. Il cinema e lo sguardo

1.16. Il cinema e il sogno

1.17. Il cinema e il suicidio

1.18. Il cinema e la transcultura

Cap. 2 Parola di registi

Allen, Almodovar, Antonioni, Argento, Bergman, Bertolucci, Brass, Bresson, Bunuel, Chaplin, Cocteau,Corman, Cronenberg, De Palma, Dreyer, Eizenstein, Fellini, Godard, Greenway, Herzog, Hitchcock, Houston, Keaton, Kiarostami, Kurosawa, Lang, Leone, Lynch, Lucas, Malle, Moretti, Pasolini, Polanski, Renoir, Resnais, Rohmer, Rossellini, Sirk, Scola, Truffaut, Welles, Wenders

Cap. 3 Frasi film

Cap. 4 Interviste

Silvano Agosti, Franco Battiato, Tinto Brass, Roberto Faenza, Emilia Fox, Giovanna Mezzogiorno, Silvio Orlando, Ferzan Ozptek

Comments are closed.

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i Cookie. Questo sito utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi