Il testimone invisibile di Stefano Mordini

12 Ottobre 2019 | Di Ignazio Senatore
Il testimone invisibile di Stefano Mordini
Recensioni Film di Ignazio Senatore
0

Adriano Doria (Riccardo Scamarcio), giovane imprenditore di successo, sposato, con un bambino, ha una relazione con Laura (Miriam Leone). Il destino ci mette lo zampino e i due, involontariamente, provocano la morte di un ragazzo. Laura è uccisa e Adriano è accusato dell’omicidio. Se per Tony D’Amato di “Ogni maledetta domenica”, la vita è fatta di centimetri, per Virginia Ferrara (Maria Paiato), avvocatessa difensore di Adriano, è “questione di dettagli” e, avendo intuito che il suo cliente non le ha raccontato la verità, lo invita a farlo in 180 minuti. Stefano Mordini (Provincia meccanica, Acciaio…) ambienta la vicenda sulle montagne innevate del Trentino, s’ispira a “Rashomon” di Kurosawa e impagina un thriller pregevole, remake del film “Contratiempo” (2016) dello spagnolo Oriol Paulo. L’intreccio è appassionante, la vicenda tiene con il fiato sospeso lo spettatore, ma alcuni passaggi e i continui cambi di scena sul finale sono troppo cerebrali. Nel cast un sempre misurato Fabrizio Bentivoglio.

Recensione pubblicata su Segno Cinema n 219 Settembre – Ottobre

Comments are closed.

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i Cookie. Questo sito utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi