Il visone sulla pelle

20 Dicembre 2014 | Di Ignazio Senatore
Il visone sulla pelle
Schede Film e commento critico di Ignazio Senatore
0

Philip Shayne (Cary Grant) un uomo d’affari scapolo e miliardario propone a Cathy Timberlake (Doris Day) una donna ingenua e sognatrice di passare con lui un weekend alle Bermuda. Cathy  accetta ma va nel pallone e qualche ora prima della fatidica notte d’amore, per la tensione, si becca l’orticaria. Cathy vuole riparare al torto ma il giorno seguente, nell’attesa che il principe azzurro la raggiunga, si sbronza con una bottiglia di whisky. E quando lei sembra essere ormai pronta a tuffarsi tra le braccia del suo amato, lui contrae l’orticaria.

Commedia scattante e divertente sceneggiata da Stanley Shapiro, autore degli irresistibiliIl letto racconta ed Amore ritorna! interpretati dalla “fidanzatina d’America” al fianco di Rock Hudson. Mann gioca tutto sul contrasto tra Shayne, infallibile seduttore e la timida e complessata Cathy. Nel film compare il dottor Gruber (Alan Hewitt) lo psicoanalista che ha in cura Roger (Gig Young) il fido segretario tuttofare di Shayne. In un’esilarante scenetta (copiata con qualche variante in Tutti pazzi per Mary di Bobby e Peter Farrellyed in Equilibrium, secondo episodio di Eros, diretto da Steven Sodeberg) non appena il paziente si sdraia sul lettino il dottore (dopo avergli chiesto, con fare disinteressato dell’andamento di alcune azioni in Borsa) si allontana di soppiatto dalla stanza, telefona al suo broker e rientra nella stanza, con passo felpato, come se nulla fosse accaduto. Per un divertente malinteso lo psicoanalista è spinto a credere che Roger si sia innamorato di Shayne e che il suo equilibrio psicologico stia vacillando. Dopo aver interrotto frettolosamente la seduta, richiama il suo broker, annulla l’acquisto delle azioni e nel corso delle sedute successive, rivela al paziente di sentirsi smarrito e di dover tornare a Vienna per un corso di aggiornamento. Da segnalare, infine, una battuta di Shayne che esasperato dalle malefatte di Cathy sbotta: “Se Freud l’avesse conosciuta avrebbe dato fuoco al suo studio ed avrebbe aperto una rosticceria. I famosi cannelloni alla Freud!”.

Comments are closed.

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i Cookie. Questo sito utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi