La scuola

20 Dicembre 2014 | Di Ignazio Senatore
La scuola
Schede Film e commento critico di Ignazio Senatore
0

Nella sala- professori di una scuola della periferia romana è tutto pronto per festeggiare l’anziana professoressa Serino (Anita Laurenzia) in procinto di andare in pensione. Il soffitto della biblioteca crolla d’improvviso ma, dopo l’iniziale scompiglio, il preside (Mario Prosperi), il vice-preside Sperone (Fabrizio Bentivoglio) e gli altri professori riprendono le lezioni. E’ l’ultimo giorno di scuola ed in giro c’è un gran fermento. Il generoso professor Vivaldi (Silvio Orlando), con le ultime interrogazioni, sta aiutando gli alunni a migliorare la media ed a evitare la bocciatura. Sulla sua stessa lunghezza d’onda è la professoressa Majello (Anna Galiena), insegnante di matematica, dolce e premurosa, in crisi con il marito convinto che lei lo tradisce con un collega di scuola. Al termine delle lezioni il corpo docente decide di festeggiare egualmente professoressa Serino. Dopo i pasticcini e lo spumante di rito i professori si riuniscono nella palestra per gli scrutini finali. Ben presto emergono le accese divergenze tra alcuni insegnati rigidi ed inflessibili ed altri che, pur di ritornare a casa il più presto possibile, si mostrano elastici, comprensivi e disposti a mediare. Nella sala insegnanti viene trovata tra le macerie una scarpa dell’insegnate Serino e mentre accorrono i pompieri c’è chi, tra il corpo docente, teme che la loro collega possa aver avuto la peggio. Scartata a maggioranza l’ipotesti di interrompere gli scrutini, grazie al generoso impegno di Vivaldi e di Majello gli studenti di una classe saranno tutti promossi ad eccezione di Cardini, un ragazzo problematico che imita alla perfezione la “mosca”. Dopo aver sospettato che l’affascinante Majello filtrava con Speroni, solo sul finale, Vivaldi comprenderà che era lui l’insegnante di cui lei si era innamorato.

Luchetti fa centro, trasponendo sullo schermo i romanzi di Domenico Starnone Ex cathedra, Fuori registro, Sottobanco ed impaginando una commedia corale, esilarante e divertente che sbancò al botteghino. Più che un impietoso spaccato sui guasti dell’istruzione pubblica (che cade a pezzi come il soffitto della scuola) il regista vuole mettere in scena un gruppo di docenti scoppiati, nevrotici e frustrati che fungono da contorno all’ingenuo e sognatore Vivaldi ed alla sensuale e romantica Majello; il burbero e severo Sperone che sogna invano una promozione al Ministero; il gretto, volgare ed infantile Cirrotta (Antonio Petrocelli), l’instabile Mattozzi (Vittorio Ciorcalo); il razzista e classista Mortillaro (Roberto Nobile); la fragile ed insicura Lugo (Enrica Maria Modugno), ossessionata dalla fobia degli oggetti appuntiti; la pettegola Gana (Anita Zagaria) ed, infine l’ansiogena professoressa Ostia (Gea Martire). Non meno pittoreschi dei loro impresentabili insegnati, gli ignoranti ed indisciplinati alunni che frequentano la scuola tra cui spiccano Coffaro (Giulio Guglielmann), Iandolo (Fabio Lucino), Astrariti (Paolo Merloni). Luchetti carica volutamente i personaggi della vicenda che appaiono grotteschi e surreali, fa spesso uso di flashback, colloca la narrazione scegliendo come unità di tempo l’ultimo giorno di scuola e lascia che la narrazione si dipani all’indietro intorno ad una gita scolastica a Verona, culminata con un “pigiama party” nella camera d’albergo della Majello. Un cast d’eccezione dove gli attori fanno a gara a superarsi; su tutti uno spontaneo ed irresistibile Orlando, una radiosa Galiena ed un Bentivoglio perfettamente calato nella parte di Speroni, vice-preside inflessibile ed antipatico. Cameo del regista nelle prime battute del film.

 

Per l’intervista completa a Daniele Luchetti, l’antologia della critica e della critica online del film si rimanda al volume di Ignazio Senatore: “Daniele Luchetti racconta il suo cinema” – 2014 -Falsopiano Editore

Comments are closed.

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i Cookie. Questo sito utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi