Nome di donna di Marco Tullio Giordana – 2018

17 Ottobre 2018 | Di Ignazio Senatore
Nome di donna di Marco Tullio Giordana – 2018
Recensioni Film di Ignazio Senatore
0

Non è onesto far politica con il cinema,perché con il cinema lo spettatore lo si può trascinare dove vuole”, tuonava un tempo  il grande FrancoisTruffaut. Marco Tullio Giordana, invece, all’opposto, (e fa bene), con questo “piccolo” film, semplice, ma autentico, “vuole trascinare” lo spettatore a compiere un’irrinunciabile riflessione: nessuno ha il diritto di abusare del proprio potere per nutrire le proprie malsane perversioni. Ed è quello che, infatti, fa Marco (Valerio Binasco), direttore di una residenza per anziani facoltosi, che, facendo leva sugli omertosi silenzi delle giovani infermiere che lavorano nella struttura, le molesta, da anni, indisturbato. Marco s’imbatterà nella dolcissima Nina (Cristiana Capotondi), fiera ed agguerrita, che non piegherà la testa e lotterà perche le siano restituite rispetto e dignità. Un film quello di Giordana “necessario”, che non tradisce la sua idea di cinema “politico” e che ci ricorda che, in questi anni, più che mai, “il personale è politico”. Nel cast Bebo Storti, Michela Cescon ed una tenerissima Adriana Asti.

 Recensione pubblicata sulla Rivista Segno Cinema – N 213- Settembre- Ottobre 2018

Comments are closed.

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i Cookie. Questo sito utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi