Vivere di Francesca Archibugi – Italia – 2019

31 Ottobre 2020 | Di Ignazio Senatore
Vivere di Francesca Archibugi – Italia – 2019
Recensioni Film di Ignazio Senatore
0

Sembra strano, ma Francesca Archibugi, simbolo di quel cinema “carino”,  “camera e cucina”, finito al tempo nell’occhio del ciclone dalla critica, all’undicesimo film, compie l’errore tipico dei registi esordienti; affastellare troppe storie e lasciare i personaggi abbozzati e non sviluppati. Nel raccontare le vicende di Susi (Ramazzotti), insegnante di danza, sposata con il disperso e irrisolto Luca (Adriano Giannini), giornalista precario, due figli a carico (un adolescente che sniffa coca e una bambina affetta da una grave forma d’asma), la regista romana (coadiuvata in sede di sceneggiatura da Francesco Piccolo e Paolo Virzì) lascia che Mary Ann, una ragazza irlandese alla pari, irrompa nelle loro vite. Infelici, distanti emotivamente, mossi da spinte distruttive, i protagonisti litigano, si avvicinano, si allontanano, in un convulso tourbillon di eventi. Un film sulla rinuncia, dove tutti, in nome di un’improbabile unità familiare, gettano all’aria amore, stabilità economica ed emotiva. I misuratissimi Massimo Ghini, Enrico Montesano, Valentina Cervi e Marcello Fonte hanno (ahinoi) poche battute, Giannini è fuori ruolo e Ramazzotti replica se stessa. Ma il film ha una propria forza e vitalità.

 

Recensione pubblicata sulla Rivista Segnocinema N. 225 – Settembre- Ottobre 2020

Comments are closed.

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i Cookie. Questo sito utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi