Anna Pavignano: “Io e il mio Massimo Troisi”

29 Ottobre 2019 | Di Ignazio Senatore
Anna Pavignano: “Io e il mio Massimo Troisi”
Ignazio Senatore Intervista...
0

Sono iniziate le riprese del film “Da domani mi alzo presto” di Stefano Veneruso, nipote di Massimo Troisi, tratto dall’omonimo romanzo di Anna Pavignano. Una tenera storia d’amore scritta dall’ex compagna dell’attore e regista di San Giorgio a Cremano e co-sceneggiatrice di tutti i suoi film da “Ricomincio da tre” a “Il Postino”. Un film travagliato, la cui lavorazione  era stato già annunciata più volte in passato, che doveva essere girato in America con Jennifer Beals nel ruolo di protagonista femminile. “Bisoga ringraziare Stefano, racconta Anna Pavignano, che caparbiamente non ha mai mollato in questi anni e ha condotto in porto questo ambizioso progetto.

Racconta la storia d’amore tra lei e Massimo?

“No, anche se, naturalmente, è ispirato alla mia relazione con lui. Ho immaginato che non fosse morto, ma fosse volato a Londra per sottoporsi all’intervento chirurgico al cuore. Dopo aver vissuto venti anni in America ed essere stato lontano dalle scene e dalle luci dei riflettori, decide di  ritornare in Italia per incontrare la sua ex donna e scrivere assieme a lei la sceneggiatura di un film, che però non verrà mai realizzato. Mentre vivono la loro quotidinaeità, insieme irevocano i loro momenti d’amore e qualche episodio del passato.

Un film delicato e intimista

“Si, ma  ci sono anche situazioni divertenti, perché ho cercato di riciostruire anche il mondo emotivo di Massimo, uello della sua comicità, e ho riportato alcune delle sue battute che avevo annotato nel tempo e immaginatyo come avrebbe potuto rispondere, se si fosse trovato in certe situaziioni. Il film racconta che, una volta ritornato in Italia, Massimo non avrebbe telefonato a nessuno dei colleghi e nemmeno ai familiari, perché ogni tanto, mi racocntava che un suo desiderio sarebbe stato quello di ritirarsi dalla scene nel momento di massima celebrità, un po’ come avevano fatto Mina, Battisti e Greta Garbo. Non avrebbe sentito nessuno per evitare che gli chiedessero: “Perché non fai un film?”

Il cast?

“Gabriella Pession è la protagonista femminile e Massimo sarà interpretato dall’irlandese John Lynch, attore, solo epr ciutare alcuni film, ha interpretato “Edoardo II” di Jarman, “Il giardino segreto” di Holland, “Nel nome del padre” di Sheridan, “Sliding doors” di Howitt..

Come lo ha scelto il regista?

“veneruso, che è stato assistente alla regia ne “Il Postino”, in “Gangs of New York” di Scorsese, ne “La passione di Cristo” di Gibson e regista di uno degli episodi di “All the invisible children”, ha voluto un attore straniero per evitare che si potessero fare deiparagoni con Troisi. I film sarà girato a San Giorgio a Cremano, ma sarà interpretato in inglese per favorirne la distribuzione all’estero.

Un ricordo di Massimo?

“Appartenevamo a due cultura diverse: io del nord e lui di una provincia del sud. Lui mi prendeva sempre in giro e mi diceva: “Tu sei intelligente”, intendendo che ero una persona colta, preparata e che aveva studiato. Lui aveva conseguito il diploma di ragioneria, ma era una persona straordinaria, dotata di un’intelligenza vivace e creativa, libera da schemi e ideologie.”

Articolo pubblicato su il Corriere del Mezzogiorno 29-10. 2019

Comments are closed.

Questo sito utilizza strumenti di raccolta dei dati, come i Cookie. Questo sito utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi